• Edizioni di altri A.A.:
  • 2020/2021

  • Lingua Insegnamento:
    Italiano. 
  • Testi di riferimento:
    1. Dispensa dei documenti di riferimento del corso.

    2. Uno o più documenti istituzionali a scelta dello Studente nell’ambito di cartelle tematiche proposte dalla docente.

    Le cartelle tematiche riguardano:
    1. CONDIZIONE INFANZIA E ADOLESCENZA IN ITALIA
    2. FAMIGLIA
    3. MSNA Minori Stranieri Non Accompagnati
    4. MEDIA E MINORI
    5. MINORI E RETE – Cyberbullismo
    6. MINORI E RETE – Pedopornografia on line
    7. VIOLENZA di genere/domestica

    Il documento “a scelta” deve essere di almeno 90/100 pagine.
    Si possono scegliere uno o più documenti (di una stessa cartella o di diverse cartelle se si è per esempio interessati a più temi): è necessario però che si componga comunque un percorso di studio del numero di pagine sopra indicato.

    Dispensa e Cartelle di documenti sono reperibili sulla pagina on line della docente (Unich – Piattaforma e-learning – Dipartimento – Corso di Studio – Credenziali - Insegnamento). 
  • Obiettivi formativi:
    Il corso propone la conoscenza del sistema dei media in riferimento ai minori a partire dai dati di consumo, dalle teorie scientifiche ai vettori istituzionali di vigilanza, protezione e tutela, alle infrazioni dei media. 
  • Prerequisiti:
    Non sono richieste conoscenze e abilità specifiche e non sono previsti vincoli di propedeuticità. 
  • Metodi didattici:
    L’insegnamento si articola in 36 ore di lezione in Aula. 
  • Modalità di verifica dell'apprendimento:
    L'apprendimento sarà verificato attraverso un esame orale. Il punteggio va da 1 a 30 con lode, secondo quanto segue: 1-17 insufficiente, 18 - 21 sufficiente, 22-24 discreto, 25-27 buono, 28-29 molto buono, 30-30 con lode eccellente.
    Le modalità d’esame sono le medesime per frequentanti e non frequentanti. 

Il corso è dedicato alla conoscenza del sistema di protezione e tutela dei minori nelle comunicazioni.
La comunicazione – cioè il processo che operativizza i principi metodologici della prevenzione sociale (compartecipazione – corresponsabilità – informazione – formazione – valutazione – connessione) – è essa stessa oggetto di prevenzione sociale:
a) per cosa, come e perché può essere agita;
b) per le fonti, i contenuti, i significati, i mezzi e gli strumenti con i quali attraversa le relazioni umano-sociali.
E deve essere oggetto di prevenzione sociale quando dall’altra parte ci sono i minori e la loro serenità spettante.

A questo proposito, il corso propone la ricognizione dei principi, delle strutture e degli interventi di prevenzione sociale (pubblica, privata, privata non for profit) per difendere e salvaguardare i diritti dei minori quando sono destinatari della comunicazione esperta e dei suoi committenti.
Il sistema di protezione (difesa dai potenziali danni) e tutela (salvaguardia dei diritti) dei minori nelle comunicazioni è il quadro che il corso intende ricomporre ricavando le azioni rilevanti di:
- ambiti (Stato, Mercato, Terzo settore);
- documenti (Dichiarazioni, Convenzioni, Carte costituzionali, Leggi, Carte deontologiche);
- strutture (Dipartimenti, Commissioni, Comitati, Osservatori, Centri di documentazione e analisi, Autorità indipendenti, Centri di ricerca, Istituti, Associazioni);
- ricerche e interventi.

1. Introduzione al corso: Comunicazione e prevenzione sociale.
2. Il processo di affermazione delle volontà virtuose di uomini e società per il riconoscimento e la protezione dell’infanzia.
3. La Convenzione sui diritti del fanciullo del 1989, i Protocolli opzionali e gli impegni assunti dall’Italia.
4. Gli ambiti di nostro interesse della Convenzione:
- le azioni e le novità normative secondo il V-VI Rapporto all’ONU;
- le Osservazioni conclusive 2019 dell’ONU al V-VI Rapporto dell’Italia.
5. Attuazione del Protocollo opzionale concernente la vendita, la prostituzione e la pornografia rappresentante i bambini.
6. Organismi di protezione e fonti istituzionali di conoscenza della condizione di infanzia e adolescenza in Italia.
7. Il PAI.
8. Pedopornografia on line, cyberbullismo.
9. Organismi di protezione e fonti istituzionali di conoscenza del rapporto media e minori.

Avvisi

Nessun avviso in evidenza

Documenti

Nessun documento in evidenza

Scopri cosa vuol dire essere dell'Ud'A

SEDE DI CHIETI
Via dei Vestini,31
Centralino 0871.3551

SEDE DI PESCARA
Viale Pindaro,42
Centralino 085.45371

email: info@unich.it
PEC: ateneo@pec.unich.it
Partita IVA 01335970693

icona Facebook   icona Twitter

icona Youtube   icona Instagram